Apologies, but no results were found for the requested archive. Perhaps searching will help find a related post.

Stop all’importazione di acciaio dalla Russia, prova ampia per l’origine delle materie prime

Stop all’importazione di acciaio dalla Russia, prova ampia per l’origine delle materie prime

Le nuove misure in vigore in materia di importazioni di acciaio e prodotti derivati si applicano solo per le importazioni di beni dichiarati o comunque presentati in dogana dopo il 30 settembre 2023, mentre l’origine delle materie prime con le quali sono realizzati i beni in questione può essere comprovata con qualsiasi mezzo valutato idoneo dalle autorità.
Dal 1° ottobre 2023, infatti, sono in vigore nuove e molto rilevanti disposizioni restrittive adottate dall’Ue nei confronti della Russia, a causa della situazione di conflitto in essere in Ucraina, confluite nel regolamento Ue 833/2014. In sostanza, è ora fatto divieto di importazione di prodotti siderurgici di cui all’allegato XVII del regolamento, sottoposti a trasformazione in un paese terzo e che incorporano prodotti siderurgici elencati nell’allegato XVII originari della Russia. Questo divieto si applica a partire dal 30 settembre 2023, a condizione che tali prodotti siano stati fabbricati dopo il 23 giugno 2023. La tematica ha posto fin da subito molti quesiti per le imprese, quesiti ai quali ha dato generale riscontro la Commissione Ue, aggiornando le Faq sulle regole di applicazione dei pacchetti sanzionatori oggi in vigore, dei quali ha dato pubblicità l’agenzia Dogane con un avviso pubblicato sul proprio sito internet.

Tempo di validità e prove di origine

Due sono i temi approntati: il tempo di validità delle norme e le prove di origine da presentare in dogana.
Al fine di circoscrivere l’efficacia del divieto nel tempo, le autorità distinguono due ipotesi.
1) Merci svincolate anteriormente al 30 settembre 2023: per ovvi motivi, queste sono di libera e legittima circolazione nell’Ue, a prescindere dall’origine russa o meno della materia prima.
2) Merci presentate in dogana anteriormente al 30 settembre 2023 e non ancora svincolate: le autorità doganali possono svincolare le merci che si trovano fisicamente nell’Unione purché siano state regolarmente presentate in dogana alla data ultima del 30 settembre 2023.
Sul secondo tema, quello dell’origine, si annida la questione più insidiosa, perché non è semplice reperire prove concrete sull’origine delle materie prime da indicare obbligatoriamente in bolla doganale. In questo senso, la prova primaria è il Mill test certificate (Mtc), ora standardizzato per pronto uso dai servizi Ue, purché riportante tutti gli elementi informativi necessari. Tuttavia, deve essere chiaro che, in assenza di questo documento, l’operazione è comunque eseguibile purché, precisano le autorità, l’origine dei fattori produttivi sia attestata con ulteriori e combinati mezzi di prova o una combinazione quali, ad esempio, fatture, bolle di consegna, dichiarazioni del fornitore, ivi incluse le dichiarazioni del fornitore relative a più spedizioni (dichiarazioni del fornitore a lungo termine), corrispondenza commerciale, descrizioni di produzione, certificati di qualità e clausole negli ordini di acquisto o nei contratti eseguiti, a condizione che includano informazioni sull’origine dei fattori produttivi impiegati.

Resta la possibilità per le Dogane, in caso di ragionevole dubbio, di chiedere mezzi di prova supplementari relativi alle diverse fasi di trasformazione cui il prodotto è stato sottoposto e, in tal caso, è pretesa coerenza tra Met e/o tutti gli altri mezzi di prova.

 

Fonte: Il Sole 24 Ore – NT (Norme e Tributi)

Leggi tutto

Ex Ilva, sciopero a Genova Morselli: azienda più forte

Ex Ilva, sciopero a Genova Morselli: azienda più forte

Oggi nuova assemblea prima dell’incontro domani con la Regione e il Comune

Per l’ad Acciaierie d’Italia: «Diversi rispetto al passato, lavoriamo per un accordo»

Si conclude alle 7 di questa mattina, lo sciopero di 24 ore indetto ieri dalla rsu unitaria dello stabilimento ex Ilva di Genova Cornigliano, ora Acciaierie d’Italia; ma l’agitazione degli operai non è finita perché oggi, nuovamente, l’assemblea dei lavoratori si riunisce, alle 8, per stabilire q uali iniziative prendere. Tutto questo, in attesa dell’incontro con Regione Liguria e Comune di Genova, organizzato per domani dal governatore Giovanni Toti (nei due giorni precedenti impegnato, a Torino, al Festival delle Regioni).

Ieri, dalla fabbrica gestita da Arcelor Mittal, gli scioperanti sono usciti con mezzi pesanti e hanno dato vita a un corteo che ha bloccato le principali arterie del Ponente genovese. La manifestazione, iniziata intorno alle 8,30, si è conclusa alle 13 circa, con il rientro in fabbrica di operai e mezzi; ma l’astensione dal lavoro è proseguita.

Sottolineando l’alta adesione ottenuta dallo sciopero di Genova, una nota delle segreterie nazionali di Fim, Fiom, Uilm sottolinea che «le iniziative delle lavoratrici e dei lavoratori non si fermeranno fino a quando non ci saranno risposte concrete da parte del Governo e dell’azienda su temi irrisolti da anni, sia a livello dei singoli siti che a livello di gruppo. Servono investimenti sulla manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti, sulla produzione e il rilancio degli impianti, sull’occupazione. Alle nostre richieste, non c’è stata alcuna risposta, da parte del Governo, durante l’incontro del 27 settembre a palazzo Chigi; per cui insistiamo a chiamare in causa Governo e Arcelor Mittal: devono assumersi le proprie responsabilità. È inaccettabile l’assenza di programmazione delle risorse pubbliche e private necessarie a rilanciare la produzione di acciaio nel nostro Paese».

Apparentemente poco colpita dalle manifestazioni, l’ad d’Acciaierie d’Italia, Lucia Morselli, si è mostrata sicura di sé ieri, a Taranto, dove ha parlato, a margine di un’iniziativa del Politecnico di Bari (col quale l’azienda collabora su progetti di ricerca) con la Marina Militare. «Quest’azienda – ha detto – è completamente diversa da quella di quattro anni fa, è molto più bella, molto più potente, molto più forte. Non è un momento brutto per l’azienda. È un momento brutto per chi se ne vuole in qualche modo occupare, senza averne motivo. Si dice che la fabbrica è al collasso? Io non lo so. Le buone notizie non fanno titolo. Credo che, però, questi allarmi possano essere utili per essere ascoltati o per illuminare qualcuno o qualcosa».

Riguardo agli scioperi, quello di ieri a Genova e quello del 28 settembre a Taranto (durante la convention Steel Commitment 2023), chiosa: «Sono quattro anni che sono qui, tutti i giorni sono stati uguali. Ci sono dei momenti in cui, chiaramente, ci sono più tensioni, altri in cui ce ne sono meno. Sono passati quattro anni e abbiamo fatto delle cose belle. Una delle cose belle è avvenuta la settimana scorsa, quando abbiamo avuto 500 clienti, che sono venuti nonostante ci fosse un clima non molto ricettivo (le portinerie presidiate, ndr) . Nessuno ha cancellato, c’erano anche delle persone importanti, grandi imprenditori che avrebbero potuto mettere a rischio la loro incolumità ma sono venuti lo stesso». L’ad ha confermato, poi, che è in corso un negoziato tra gli azionisti di Acciaierie e il Governo: «C’è tutta l’intenzione, mi sembra, di raggiungere un accordo. C’è una disponibilità assoluta delle parti. Questo è considerato un luogo di grande valore, sia per gli azionisti privati che per l’azionista pubblico». Ma, ha avvertito Morselli, «non ci sono soluzioni dietro l’angolo, soluzioni facili. Ci sono soluzioni, ma bisogna lavorarci molto. Questa è una realtà molto complessa».

 

Fonte: Il Sole 24 Ore

Leggi tutto

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche. Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies. Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi