Apologies, but no results were found for the requested archive. Perhaps searching will help find a related post.

Export e cantieri in stallo frenano l’industria meccanica

Astori (Federmeccanica): «Non possiamo essere lasciati soli dalla politica»
Il 73% delle aziende del settore ha avviato programmi di formazione

ROMA
Ancora un calo per l’industria metalmeccanica: nel quarto trimestre dell’anno scorso si è registrato un -1% rispetto al trimestre precedente, per il rallentamento delle esportazioni e la flessione della domanda interna. Sono i dati che emergono dall’indagine congiunturale di Federmeccanica (la 149°) presentati ieri a Roma a livello nazionale e anche sul territorio.
Un peggioramento che è stato definito a cavallo tra la stagnazione e la recessione, come hanno detto ieri sia il vice predidente Fabio Astori, che il direttore generale Stefano Franchi. A preoccupare non solo sono i dati dell’ultimo trimestre 2018 (che seguono un -0,3 del trimestre precedente, con un dato tendenziale che si è assestato a +0,8% dopo un primo semestre dell’anno che evidenziava tassi di crescita attorno ai 4,5 punti) ma le prospettive per il 2019. «Ci sono ombre sui prossimi mesi, non possiamo essere lasciati soli, dobbiamo essere ascoltati, molto dipenderà dalla politica economica che sarà realizzata», ha detto Astori, aggiungendo che oltre all’apertura dei cantieri occorrerebbe il mantenimento delle agevolazioni di Industria 4.0, quelle sulla formazione digitale, il credito di imposta per la formazione.
La formazione è un tema determinante: è stato un danno aver ridotto le ore di alternanza scuola-lavoro, per il 61% delle imprese lo strumento così come è oggi non è più efficace per acquisire una competenza adeguata. «Chiediamo la reintroduzione per gli istituti tecnici e professionali delle 400 ore di alternanza scuola lavoro e delle risorse per le scuole», ha detto Astori, ricordando che a novembre è stata lanciata la petizione “Più Alternanza Più formazione” che ha superato le 22 mila firme.
Le aziende si stanno muovendo su questo fronte, come ha detto Franchi: nel 2017 il 73,3% delle imprese metalmeccaniche ha fatto formazione coinvolgendo il 53,6% dei dipendenti, come risulta dall’indagine della Federazione, «un risultato positivo, frutto del contratto firmato nel 2016. Vedremo i risultati del 2018, è stato un buon inizio», ha continuato il direttore generale.
A preoccupare è la congiuntura: gli attuali volumi, ha spiegato il vice direttore di Federmeccanica, Angelo Megaro, sono inferiori del 23,5% rispetto al periodo pre recessivo. E le prospettive a breve indicano una debolezza: prevale una eccedenza di scorte di materie prime e di prodotti finiti rispetti ai volumi di produzione attesi. Diminuiscono le consistenze del portafoglio ordini e peggiorano i giudizi che le imprese esprimono sugli ordini acquisiti.
Pesano il rallentamento della congiuntura internazionale, il calo della crescita cinese e soprattutto quello europeo, Germania in testa, dal momento che il 56% del nostro export è diretto all’Europa e il 13,8 alla Germania. Crescono gli Stati Uniti, mentre c’è un forte calo verso la Russia. Complessivamente l’export si è ridotto a livello tendenziale dal +6,5 del quarto trimestre 2017 a +0,8% dell’ultimo trimestre 2018.
Dato positivo l’occupazione, anche nelle prospettive a sei mesi, a fronte di una stagnazione dei volumi attesi per i primi tre mesi 2019. «Ma non possiamo permetterci di perdere nemmeno uno zero virgola – ha detto Franchi – è pericoloso anche per le possibile ricadute sull’occupazione. Molto dipende da ciò che avverrà all’estero ma anche dalla politica economica interna».

Nicoletta Picchio

Fonte: Il Sole 24 O re

Read More

Così a Terni è rinato l’acciaio

Dall’accordo sindacale del 2014 con la cabina di regia anti-crisi del Mise fino alla discussione, avviata pochi giorni fa, per definire un nuovo premio di risultato. La rigenerazione di Acciai speciali Terni (Ast), primo produttore italiano di acciaio inossidabile, è completa. L’azienda siderurgica, tornata quattro anni fa nella mani di ThyssenKrupp (dopo che dagli stessi tedeschi era stata ceduta a Outokumpu, costretta dall’antitrust Ue a rimetterla sul mercato) conferma il trend di ripresa inaugurato dall’ex amministratore delegato Lucia Morselli e proseguito dal successore Massimiliano Burelli. La prima pietra miliare è stata l’anno scorso, con il ritorno all’utile e le dichiarazioni del viceministro Teresa Bellanova («Ast non è più un’azienda in crisi»). È di poche settimane fa la conferma del risultato netto positivo (salito a 87 milioni), che rafforza la fiducia nei nuovi progetti e percorsi, come la gara internazionale per la gestione delle scorie o l’approccio a segmenti di mercato a maggiore valore aggiunto. Strategie che, alla vigilia della scadenza quadriennale dell’accordo sindacale, traghettano di fatto l’azienda verso una nuova stagione. I risultati dell’ultimo esercizio mostrano che Ast («un’azienda con i controfiocchi» l’ha recentemente definita il presidente di Federacciai, Antonio Gozzi) è riuscita a centrare obiettivi che solo pochi anni fa (prima dell’accordo, Ast aveva ricapitalizzato per 460 milioni e chiuso in rosso per 128 milioni) sembravano lontani. I due forni oggi sono entrambi in marcia (uno viaggia a 21 turni, l’altro a 15), per una produzione che ha raggiunto il milione di tonnellate, soglia che quest’anno dovrebbe essere ampiamente confermata.

Il fatturato nel 2017 è stato di 1,674 miliardi. Nell’ultimo esercizio sono stati investiti 58,2 milioni, con un incremento di 13,8 sull’esercizio precedente: a quadriennio concluso raggiungeranno 182 milioni, più dei 170 concordati in sede sindacale. Il risanamento è completato e per questo motivo Ast ora potrebbe anche essere ceduta, visto che ThyssenKrupp ha sempre dichiarato, fin dal riacquisto «forzato» del 2014, la non strategicità di Ast. «Non è strategico, ma resta un asset importante -precisa Burelli -. A oggi non ci sono dossier di vendita».

Per questo a Terni oggi nessuno aspetta il cavaliere bianco. Anzi, i cantieri aperti sono numerosi. Sul piano produttivo l’obiettivo dichiarato di Burelli è incrementare le forniture di qualità raggiungendo direttamente gli end user che necessitano di inox per le marmitte nell’automotive, per elementi nel mercato del freddo, per le pareti degli ascensori o per i pannelli delle cucine. «Vogliamo portare l’incidenza di questa quota dal 25 al 50% del totale -spiega l’ad -e posizionarci nei segmenti che non comprano il prezzo, ma la tolleranza dimensionale e la qualità superficiale».

Il mercato è positivo: Ast vende il 40% in Italia, mentre tra i mercati esteri la Germania resta il primo cliente, seguito da Polonia, Ungheria, Romania e, negli ultimi anni, da Spagna e Portogallo. La produzione di acciaio liquido è salita a 959mila tonnellate e salirà ancora («non troppo grandi, però -spiega Burelli -, altrimenti rischiamo di perdere contatto con le
nicchie ad alto valore aggiunto»), lo spedito è stato di 849mila tonnellate. In questi mesi è stata trasferita a Torino, come concordato con il sindacato, la linea 6: a febbraio si raccoglieranno i primi risultati produttivi, con l’obiettivo di raggiungere a regime una capacità produttiva aggiuntiva di 60mila tonnellate nel freddo. Bene anche il «black» (il semilavorato grezzo), con la conferma del battente di acquisto storico del cliente principale in Italia. Per quest’anno si prevede anche un aumento del 10% nella produzione di tubi. È vicino all’aggiudicazione nel frattempo l’innovativo progetto di gestione delle scorie, per il quale sono in lizza la francese Harsco minerals e la finlandese Tapojarvi. «È un impianto che evita la discarica per le scorie di acciaio inossidabile -spiega Burelli -: le tratta come materia prima seconda, in modo da utilizzarla nel ciclo del cemento e dell’asfalto in sostituzione di aggregati naturali».

In discussione c’è un contratto di 12 anni, con importi economici rilevanti. La data di aggiudicazione, più volte annunciata come imminente, negli ultimi mesi è slittata in avanti. «Stiamo riallineando le offerte per potere fare una corretta valutazione economica del progetto -spiega Burelli -. Fra poco avremo un quadro più chiaro, ma non abbiamo al momento una data precisa per l’aggiudicazione: si tratta comunque di qualche settimana, non di mesi». Burelli rivendica poi i risultati ottenuti in termini di efficienza, con l’applicazione della lean production. Sul piano dell’occupazione, oggi Ast ha circa 2.300 addetti, ai quali si aggiungono gli interinali. «Con l’accordo di riorganizzazione del 2014 ci siamo impegnati a mantenere per quattro anni un determinato livello di investimenti e di organico -spiega Burelli -. Ora è possibile iniziare a discutere di un premio di risultato, operativo da questo esercizio, che permetta di stimolare e coinvolgere maggiormente». Il pdr avrà un «cancello d’ingresso» che dipenderà dai risultati economici, e comprenderà altri parametri. «L’importante -spiega Burelli -è che si tratti di indicatori semplici, comprensibili e impattabili dai lavoratori».

Matteo Meneghello
Fonte: Il Sole 24Ore

Read More

Ilva: no del Governo a Regione e Comune

Siderurgia. Respinta la proposta in 21 punti

ROMA

Si fa sempre più complicato il dossier Ilva. Ieri è arrivato il no secco dei ministri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente alla proposta di accordo di programma in 21 punti di Regione Puglia e Comune di Taranto. Il governo – anche con i ministeri della Salute e della Coesione territoriale – contropropone di tornare al protocollo d’intesa presentato lo scorso 3 gennaio, con alcune integrazioni.

L’esecutivo in particolare rilancia proponendo la costituzione di un tavolo tecnico coordinato dall’Istituto superiore di sanità e l’adozione di un Piano di attività di sorveglianza epidemiologica e di monitoraggio ambientale. Il Protocollo, così integrato, sarebbe adottabile anche nella forma dell’accordo di programma (escludendo però dalla firma Am Investco). Non c’è intenzione di accettare le richieste di Regione e Comune. Fare diversamente, è il parere del governo, comporterebbe azzerare tutto, annullare gli esiti della gara e un probabile contenzioso legale con l’acquirente. Poi si passa ai punti specifici. Accettare quello sulla decarbonizzazione – scrivono i due ministeri nella risposta ufficiale – comporterebbe rinnovare i procedimenti di valutazione che hanno condotto all’approvazione del Dpcm ambientale e all’adozione di una nuova norma di legge. I ministeri contestano anche l’economicità della tecnologia DRI, troppo legata al prezzo del gas. Bocciata anche la richiesta di ulteriori prescrizioni rispetto a quelle contenute nel Dpcm del 29 settembre, perché presupporrebbero l’adozione di un nuovo Dpcm ambientale. Infine, il tema della valutazione del danno sanitario. I ministeri ribadiscono che la normativa regionale non è applicabile al caso di Ilva e sottolineano «che – nel caso in cui le verifiche di Arpa e Asl dovessero in futuro fornire riscontri negativi – la Regione, in base alle norme vigenti, ha titolo per presentare la richiesta di riesame dell’Aia».

Nella loro risposta, i due ministeri confermano che il 1° febbraio saranno avviati i lavori per la copertura dei parchi minerali. È da evidenziare – aggiunge il governo – «che con l’attuazione delle tempistiche e delle prescrizioni previste nel Dpcm del 29 settembre e nel protocollo d’intesa, i principali interventi ambientali per Taranto saranno completati entro il 2020». Gli ulteriori interventi, previsti entro il 2023, fanno notare i ministeri, riguarderanno impianti fermi.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Read More

Piombino rialza la testa, tocca a Jindal

Il sindaco Giuliani: «Dare un segnale sull’ambiente, spero che gli impianti possano ripartire presto»

MILANO
Le lancette di Piombino ritornano indietro all’estate del 2014,quando Jindal south west era pronta a rilevare gli asset della ex Lucchini dall’amministrazione straordinaria, ma fu sorpassata all’ultimo miglio da un player algerino, Cevital, fino a quel momento sconosciuto sui mercati. In quasi tre anni di gestione (Cevital concluse l’operazione nell’estate del 2015) gli algerini non sono stati in grado di rilanciare l’area a caldo di Piombino. Anzi, hanno praticamente arrestato l’attività di laminazione, compromettendo il mercato dell’azienda, fino a spingere il Governo e la procedura (che ha ancora compiti di sorveglianza) a chiederela rescissione per inadempienza.

La prima udienza di quello che si annnunciava come un lungo braccio di ferro era stata fissata per il 18 luglio. Ma con la firma di giovedì notte che sancisce il passaggio di proprietà degli asset della ex Lucchini da Cevital a Jsw, Piombino tira una riga sull’esperienza algerina. Ora tocca a Jindal, pronta a partire da subito: in fabbrica ieri già rimbalzava la notizia di una visita degli ingegneri indiani per definire le tempistiche di riavvio dei tre laminatoi.
Il closing ufficiale dell’operazione è però atteso fra una trentina di giorni. Lo si apprende direttamente dall’azienda indiana che, commentando l’operazione, la definisce «un’opportunità unica per mettere piede in Italia, accedendo al mercato europeo dei prodotti lunghi in acciaio speciale». L’acquisizione, nel giudizio dei vertici, «potrà costituire un punto d’appoggio per opportunità future sui mercati europei». L’analisi di Jsw evidenzia come «i laminatoi situati nelle vicinanze del porto» consentano «una integrazione logistica con gli impianti in India», situati a monte della filiera, chiamati a fornire billette e blumi che contribuiranno al riavvio della produzione di Aferpi. Confermati, inoltre, i progetti sul caldo.

«Il piano a lungo termine di Jsw steel – spiega l’azienda – è installare un forno elettrico alimentato a rottame e preridotto, competitivo sul versante dei costi e a basso impatto ambientale»per rendere il sito completamente integrato, anche se il perfezionamento dell’investimento dipenderà da studi di fattibilità tecnica e finanziaria.

La linea di Jindal è quella trapelata in questi mesi: riavviare immediatamente i laminatoi e provare a investire sull’area a caldo, con l’obiettivo di espandere, in futuro, la produzione anche nei piani. Confermate anche le indiscrezioni sul prezzo d’acquisizione: Jsw (l’operazione è stata condotta da Jindal steel Italy) ha pagato 55 milioni di euro per il 100% di Aferpi e di Piombino Logistics, rilevando anche il 69,27% di Gsi (produce sfere per il settore minerario); alla cifra bisogna aggiungere altro denaro legato alla valorizzazione del circolante, per un totale che dovrebbe arrivare a circa 90 milioni. Nei prossimi 30 giorni Jsw, che avrebbeottenuto una concessione demaniale di 50 anni sulle aree portuali, dovrà presentare il piano industriale e ottenere un’approvazione formale dai rappresentanti dei lavoratori e dalle istituzioni: l’accordo di programma e quello sindacale (Aferpi ha in carico circa 2mila persone) sono condizioni sospensive.

«C’è da trovare un accordo che metta insieme le necessità dell’azienda e del territorio» conferma il sindaco di Piombino, Massimo Giuliani, che si definisce «ottimista ma cauto. In città – spiega – c’è entusiasmo, ma si leva anche qualche voce critica, pronta a sottolineare che una firma non è sufficiente. È vero – prosegue -, alla firma c’erano arrivati anche gli algerini. Tra le due realtà, però, c’è una differenza sostanziale, in termini di vocazione siderurgica e di know how». Giuliani ricorda i contatti con gli indiani negli ultimi mesi: «sono venuti qua in municipio diverse volte, hanno chiesto informazioni sulla programmazione urbanistica. Abbiamo chiesto di accelerare le demolizioni, è fondamentale per dare un segnale sul tema ambientale e per liberare le aree in vista di nuovi insediamenti, dando subito opportunità di lavoro. Mi auguro poi che gli impianti possano ripartire già per fine estate. Al momento, però, non abbiamo vinto nulla – conclude – , ci si è solo aperto un orizzonte, fino a ieri chiuso». Cauto anche il presidente della Toscana, Enrico Rossi. «Mi chiedono se sono contento – ha scritto ieri su Facebook -. Certo, abbiamo lavorato davvero molto con Carlo Calenda. Ma io sarò veramente contento solo il giorno in cui a Piombino si tornerà a colare acciaio, come ho promesso ai lavoratori il primo maggio di diversi anni fa».

Gli fa eco Lorenzo Fusco, segretario provinciale della Uilm. «In fabbrica – spiega – c’è grande ottimismo, ma non ci stanchiamo di ripetere che occorre prudenza. Attendiamo una convocazione, aspettiamo di vedere il piano e di capire gli investimenti. Dicono che gli uomini di Jindal verranno qui a giorni: cercheremo di capire da loro le tempistiche per il riavvio delle lavorazioni». Il primo obiettivo, per il sindacato, sarà «investire sui due treni di laminazione, quello per le barre e quello per la vergella, fermi da due anni». Per Fusco è fondamentale contare su un solido piano di ammortizzatori . «Abbiamo sentito parlare di tempi lunghi – spiega -, non possiamo permettere che le professionalità che abbiamo tra la forza lavoro restino troppo tempo fuori gioco. Già oggi c’è chi non mette piede in fabbrica da 4 anni, serve un’attenta rotazione». Per quanto riguarda il mercato, infine «va riacquisito il bando di gara delle Rfi».

Matteo Meneghello
Fonte: Il Sole 24Ore

Read More

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche. Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies. Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi